Type a keyword and hit enter to start searching. Press Esc to cancel.

Attualmente in Lettura

I (grandi) numeri dell’ICQRF 2017

Riportare dati e numeri non riesce sempre ad avere un senso, piuttosto diventa un susseguirsi di cifre e percentuali apparentemente senza significato.

Quando però questi dati e numeri sono riferiti alle attività di controllo svolte dall’ICQRF, ecco che ci dicono cose importanti.

Da qualche giorno, sul sito web del Mipaaf è pubblicato il Report dell’attività operativa dell’Ispettorato Centrale Repressione Frodi per il 2017, esplicativo delle diverse operazioni che l’Autorità ha condotto nei diversi ambiti (prodotti di qualità Dop, Igp, Stg) e settori merceologici (Vitivinicolo, olio, ortofrutta, carne, mangimi…), a difesa del settore produttivo agroalimentare italiano. Sostanzialmente, difesa del Made in Italy. Ecco quindi alcuni numeri, significativi dell’intenso lavoro svolto e dei grandi risultati raggiunti anche durante l’anno appena concluso, sulla scia degli anni precedenti, che confermano il ruolo esemplare dell’ICQRF tra le Autorità di controllo agroalimentare a livello internazionale.

prosciutto

Sono stati eseguiti in totale 53.733 controlli (40.857 ispettivi e 12.876 analitici) e gli operatori del settore alimentare controllati sono stati 25.168 (per 57.059 prodotti controllati).

In particolare, l’88% dei controlli ha riguardato i prodotti alimentari e il restante 12% ha riguardato invece mangimi, fertilizzanti, sementi, prodotti fitosanitari.

Quali i settori maggiormente controllati? Innanzitutto il vitivinicolo (17.527 controlli) e l’oleario (7.843 controlli), seguiti dal settore della carne e derivati (5.086 controlli), dal lattiero caseario (4.977 controlli), e poi dal settore ortofrutticolo (2.708 controlli), cereali e derivati (2.406 controlli), conserve vegetali (1.971 controlli), sostanze zuccherine (733 controlli), miele (793 controlli), bevande spiritose (613 controlli), uova (518 controlli), e 1.967 controlli su altri settori.

Sono state rilevate irregolarità per il 26,8% degli operatori, per il 15,7% dei prodotti e per il 7,8% dei campioni.

Quali (e quanti) i risultati strettamente operativi? A seguito delle attività ispettive e di controllo, sono state inoltrate all’Autorità Giudiziaria 455 notizie di reato, sono state elevate 3.715 contestazioni amministrative, sono stati effettuati 963 sequestri.

L’ICQRF riveste infatti un ruolo importante anche nella lotta alla criminalità nel settore agroalimentare, soprattutto carne e prodotti lattiero caseari, conducendo nel 2017 importanti operazioni di Polizia Giudiziaria.

E il commercio elettronico? ICQRF opera sulle piattaforme di Ebay, Alibaba e Amazon come soggetto legittimato (owner) a difendere il “nome” delle Indicazioni geografiche italiane.

wine-kit

Dal 2014 sono stati effettuati 2.202 interventi all’estero e sul web, e nel 2017 sono stati state avviate 615 procedure di contrasto a usurpazioni ed evocazioni con un totale di 295 blocchi di vendite (in particolare, 226 su Ebay, 37 su Amazon, 32 su Alibaba). Il maggior numero di interventi dal 2014 al 2017 ha interessato Prosecco, Parmigiano Reggiano, Wine kit, Aceto Balsamico di Modena, Prosciutto di Parma.

Se davvero questi dati, meglio esplicati nel documento ufficiale pubblicato dal Mipaaf, rappresentano una crescente e sempre più efficace tutela dell’agroalimentare italiano, con conseguente valorizzazione delle aziende che si impegnano per produrre e vendere prodotti nel pieno rispetto della normativa, allora non restano un elenco di numeri e percentuali ma hanno un vero significato concreto. Per ora, poterlo immaginare sulla fiducia è già un grande risultato.

Related Posts

Lascia un commento

Oppure